Ottengo il Mio Prestito!

Prestito in corso: cosa succede in caso di separazione?

Cosa succede in caso di separazione o divorzio quando c’è un prestito in corso?

Questa domanda ci è stata fatta diverse volte per cui abbiamo deciso di scrivere un articolo in merito.

Per rispondere a questa domanda occorre fare due distinzioni principali di base, ovvero il caso in cui il prestito in corso sia intestato ad entrambi i coniugi, e il caso in cui il prestito in corso sia intestato solamente a uno dei coniugi, ad esempio il marito.

Oltre a questa distinzione possiamo anche dividere i casi in cui il prestito in corso riguardi due coniugi in comunione dei beni o in separazione dei beni. Vediamo nel dettaglio, dunque, cosa accade quando c’è un prestito in corso in caso di separazione.

Caso 1 – Coniugi entrambi intestatari del prestito in corso

In questo caso il prestito in corso è a carico di entrambi i coniugi. Che essi siano in comunione o separazione dei beni non fa differenza. In caso di separazione i coniugi devono continuare a pagare il prestito in corso in quanto, in caso di mancato pagamenti, entrambi andrebbero incontro ad una segnalazione negativa nelle banche dati creditizie oltre che al possibile pignoramento dei beni di proprietà.

Caso 2 – Marito o Moglie intestatario del prestito in corso in separazione dei beni

In questo caso i due coniugi sono completamente distinti e il prestito in corso, anche dopo la separazione, deve essere rimborsato dall’intestatario del prestito. La separazione dei beni fa si che, in caso di mancato pagamento, solamente i beni del coniuge intestatario del prestito in corso possa subire pignoramenti.

Caso 3 – Marito o Moglie intestatario del prestito in corso in comunione dei beni

Questo è il caso più particolare, in quanto il prestito in corso è intestato solamente ad uno dei due coniugi, ma questi sono legati dalle proprietà dei beni. Chiaramente in una fase successiva di separazione o divorzio i beni vengono poi divisi, per cui si parla di un momento in cui la separazione sia avvenuta anche se non ancora di fatto e a livello legale. Ad ogni modo, in questo caso, il pagamento del prestito in corso spetta al coniuge intestatario, ma in caso di mancato pagamento i beni in comunione possono essere pignorati perché considerati di proprietà di entrambi i coniugi nella loro interezza e non in percentuale.

Il coniuge non intestatario del prestito in corso può, però, reclamare la sua quota di proprietà o la sua parte di ricavato dalla vendita all’asta dei beni in comunione, non essendo esso responsabile del mancato pagamento di un prestito in corso intestato all’altro coniuge, come si evince dalla pronuncia della Corte di Cassazione n. 6575/2013.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

10 commenti su “Prestito in corso: cosa succede in caso di separazione?

  1. vorrei acquistare un autovettura intestandola a mia moglie ( siamo comunione beni e conto cointestato ) essendo io titolare pensione e richiedendo cessione del quinto

    Rispondi
    • Bartolomeo buongiorno,
      certo, può tranquillamente ottenere liquidità tramite cessione del quinto e con questa acquistare l’auto intestandola a sua moglie.

  2. Bgiorno chiedo lucidazione al mio caso:sono divorziato dal 2017 è ho una cessione del quinto con delega posso aver il mio diritto di non pagare la sua quota è continuare a pagare solo la mia è se ce da richiedere gli arretrati della ex di ciò che gli ho pagati fino a oggi grazie.

    Rispondi
    • Luigi buongiorno,
      mi scusi ma non è chiara la sua richiesta. A cosa si riferisce “non pagare la sua quota”? La quota del quinto in corso?

  3. La cifra ammonta a 34..sarebbero 17 a testa.. Ma poi se lui ne apre un altro di prestito dopo ci sarebbero gli interessi?!!! E se lui nn volesse?? Come faccio a staccarmi da questo.debito in comune, considerando che il prestito lo abbiamo preso insieme ma nella mia banca??

    Rispondi
    • Sabrina buongiorno,
      ci sono due soluzioni:
      – continuarlo a pagare insieme
      – farsi saldare il debito da suo marito
      Ovviamente se lui accendesse un nuovo prestito su questo pagherà interessi; non potrebbe essere diversamente.

      4Credit

  4. Noi dia. O sposati ma abbiamo la separazione dei beni.. Abbiamo un prestito che stiamo pagando meta’ per uno, ogni mese la sua meta’ arriva sul mio conto e li parte il pagamento… Ultimamente lui e’ sotto e nn mi arrivano i soldi… Posso chiedere alla banca di distinguere la cifra e pagare solo la mia parte??

    Rispondi
    • Sabrina buongiorno,
      no, non è possibile procedere in tal senso. Piuttosto dovrebbe far chiedere un altro finanziamento a suo marito del valore pari al 50% del debito residuo. Con questa liquidità chiudere metà del prestito.
      A quanto ammonta il debito residuo?

      4Credit

  5. BUONGIORNO, IO SONO INTESTATARIA DI UNA CESSIONE DEL QUINTO E DI UNA DELEGA TRATTENUTAMI IN BUSTA PAGA, POSSO CHIEDERE NELLA SEPARAZIONE GIUDIZIARIA CHE MIO MARITO MI PAGHI LA META’?

    Rispondi
    • Buongiorno Maria.
      Non credo possa farlo, dovrà chiedere il mantenimento indipendentemente dalla cessione e la delega, oppure dovrà dimostrare per cosa siano stati utilizzati questi soldi e provare a chiedere un contributo anche su quello. Diciamo che dovrebbe occuparsene il Suo avvocato.
      Saluti.

Hai qualche domanda? Scrivici su Whatsapp