Cancellazione Crif cattivi pagatori: come farla e tempistiche

Cancellazione Crif cattivi pagatori: si può fare ed è più semplice di quanto si possa pensare.

Come funziona? La strada da percorrere è una sola: devi aspettare. La cancellazione infatti avviene in maniera automatica una volta che scadono i termini previsti dalla normativa vigente.

Non devi sostenere alcun costo per la cancellazione Crif (se qualcuno ti propone di farlo a pagamento, è una truffa) ma solamente attendere, a seconda del motivo per cui sei stato segnalato, che i dati su di te vengano cancellati.

Dopo quanto tempo si viene cancellati dal Crif? Nelle prossime righe troverai la risposta a questa e a molte altre domande.

Se non puoi permetterti di aspettare perché hai bisogno urgente di liquidità, contattaci:

Siamo operativi in tutta Italia!

Valuteremo insieme a te, in maniera gratuita e senza impegno, le migliori soluzioni di prestito per cattivi pagatori che il mercato del credito ha da offrirti.

Cancellazione Crif cattivi pagatori: a cosa serve

Si può essere cancellati come cattivo pagatore dalla banca dati? Prima di rispondere a questa domanda, facciamo un minimo di chiarezza su quando si viene effettivamente segnalati nelle banche dati.

Tantissimi nostri clienti, incontrati nel corso di questi anni, ci comunicavano di essere segnalati in banca dati, anche se non era così.

Possiamo identificare due tipi di segnalazioni:

  • ritardi di pagamento
  • mancato pagamento

Potrebbe esserti utile sapere che le nuove norme europee hanno aggiornato il tempo necessario per definire un debitore in default. Ciò significa che lo status di cattivo pagatore viene acquisito trascorsi 90 giorni dalla scadenza del debito (cioè la rata del prestito).

Attenzione: non esiste una nuova legge cancellazione Crif 2021, come alcune fonti erroneamente riportano. Semplicemente dal 1 gennaio sono entrati in vigore i termini appena descritti.

Una volta ricevuta una segnalazione, i rapporti finanziari del cattivo pagatore sono compromessi. Ciò significa che, oltre ai problemi con l’istituto per la regolarizzazione delle rate insolute, avrà anche problemi nell’ottenere altri finanziamenti da altre banche perché la sua affidabilità creditizia sarà venuta meno.

La cancellazione Crif serve proprio a questo: a ripristinare lo status precedente e riacquistare credibilità agli occhi delle banche.

Segnalazione cattivo pagatore: quanto dura?

Nel caso di una rata pagata in ritardo, l’evidenza nelle banche dati rimarrà per un tot di mesi, come meglio riportato nella tabella sottostante.

I dati vengono conservati:
6 mesi:se lo stato pratica rimane in stato di “richiesta”
3 mesi:se lo stato pratica viene aggiornato in “rinuncia” e/o “rifiuto”.
36 mesi:ad avvenuta estinzione del finanziamento, trascorsi 36 mesi, i dati saranno cancellati.
36 mesi: dalla data di scadenza contratto anche per prestiti non estinti o dalla data in cui è risultato necessario l’ultimo aggiornamento.
12 mesi: i ritardi di rate (fino ad un massimo di 2 per ogni singolo finanziamento) dalla data di avvenuta regolarizzazione; quindi una volta pagate le rate insolute, trascorsi 12 mesi, le segnalazioni saranno cancellate.
24 mesi: se le rate insolute o pagate in ritardo sono superiore a 2, allora le segnalazioni negative saranno presenti per i successivi 24 mesi dalla data di avvenuta regolarizzazione rate insolute.
Cancellazione Crif dopo quanto tempo?

Quindi in caso di prestito non pagato la cancellazione Crif avviene dopo 36 mesi (3 anni) dalla data di estinzione prevista oppure dall’ultimo aggiornamento fornito dall’istituto che ha avviato la segnalazione.

Hai il dubbio di essere stato segnalato in banca dati? Puoi richiedere in ogni momento, con una procedura online, una visura Crif gratis per verificare il tuo status ed eventualmente valutare come muoverti per portare avanti la tua riabilitazione da cattivo pagatore.

Scopri come accedere all’Elenco Cattivi Pagatori. Clicca qui!

Come cancellarsi dal Crif come cattivo pagatore?

La cancellazione dalle banche dati creditizie avviene in automatico e coincide con il decorso dei termini prestabiliti.

Non dovrai pertanto richiedere alla finanziaria o alla banca una liberatoria o l’attivazione di un iter particolare.

Il garante sulla privacy ha stabilito che, trascorsi i tempi sopra esposti, i sistemi creditizi dovranno cancellare l’evidenza negativa.

In termini pratici una liberatoria sarebbe comunque ininfluente nel caso in cui la tua necessità sia quella di ottenere un nuovo prestito da un altro istituto. La dichiarazione della banca infatti non serve a cancellare la segnalazione al Crif, che sarà l’unico dato certo preso a riferimento.

Contattaci se sei stato segnalato al Crif e hai bisogno di ottenere un prestito

Se vogliamo prendere in esame alcuni casi particolari, come la cancellazione Crif dopo saldo e stralcio, sappi che la situazione rimane invariata. Qualora il tuo nominativo fosse stato inserito nell’elenco dei cattivi pagatori, dovrai attendere la scadenza dei termini previsti per legge.

La differenza è che qui l’istituto di credito potrebbe rilasciare una specie di liberatoria che attesti l’attuazione effettiva del saldo e stralcio a dimostrazione della tua riacquisita affidabilità creditizia (anche se non è detto che questo documento risulti effettivamente utile per ottenere un nuovo finanziamento).

Cancellazione cattivi pagatori: come posso sapere in quale banca dati sono segnalato?

Chiariamo intanto un aspetto che a volte crea confusione ai clienti. Le segnalazioni di ritardo di pagamento sono riferite a rate di prestito personale, mutui o finanziamenti in generale.

Non rientrano in queste i protesti di cambiali o assegni. Questi dati infatti sono archiviati presso la camera di commercio (CCIAA) e con un piccolo costo, potrai richiedere la tua visura.

Chiarito questo punto, per sapere in quale banca dati si è segnalati è consigliabile consultare il modulo per la privacy che si è sottoscritto contestualmente alla firma del contratto di finanziamento, dove si possono trovare tutte queste informazioni (es. Crif, Experian o CTC, a seconda della convenzione scelta dall’istituto di credito).

Se non riesci a trovare tali informazioni potrai chiamare la finanziaria che ha erogato il prestito e chiedere specificatamente questo dato. 

Se non sei certo del numero di ritardi segnalati in banca dati bisogna richiedere, tramite l’apposito modulo, un aggiornamento alla banca dati stessa; la risposta conterrà un elenco delle proprie posizioni, quindi sarà utile capire come leggere i dati presenti.

Se sono presenti dati negativi e se esistono i presupposti, si potrà richiedere la cancellazione come cattivi pagatori (che teoricamente avrebbe dovuto avvenire in automatico).

Cancellazione Crif cattivi pagatori: come ottenere un prestito personale?

“Sono un cattivo pagatore, come risolvere il mio bisogno di liquidità?”

La soluzione esiste, purché tu sia assunto come dipendente con contratto a tempo indeterminato o pensionato.

4Credit è in grado di soddisfare la tua richiesta di finanziamento anche se segnalato nelle banche dati come cattivo pagatore.

Compilando il modulo di richiesta presente sul nostro sito o accessibile semplicemente cliccando qui si aprirà una pagina nella quale dovrai inserire poche informazioni di contatto.

La tua richiesta sarà trattata nel rispetto delle attuali normative sulla privacy e non sarà inoltrata a nessun altra banca dati creditizia.

Valutata la reale possibilità di soddisfare i tuoi bisogni, potrai concordare un appuntamento, anche a domicilio, con il consulente personale a te dedicato.

Parliamo di un vero professionista che sonderà il mercato del credito alla ricerca della migliore soluzione studiata su misura per te. Il nostro supporto è completo: ti seguiremo dalla richiesta fino all’erogazione del finanziamento.

I servizi 4Credit sono sempre gratuiti e senza impegno.

Cancellazione Crif cattivi pagatori: perché 4Credit?

I nostri collaboratori sono regolarmente iscritti all’albo OAM, come previsto dalla normativa 141/2010.

La nostra società opera da quasi 15 anni nel settore del credito alle famiglie, vantando una soddisfazione della clientela pari al 98%.

Confermano questo dato gli oltre 350.000 utenti che ogni anno seguono il nostro sito, oltre alle numerose domande e risposte presenti sul nostro blog.

Grazie alla nostra attività capillare, siamo in grado di gestire richieste su tutto il territorio nazionale, garantendo anche consulenze a domicilio. Il tutto gratuitamente e senza impegno per garantirti un’ampia gamma di soluzioni, flessibili e convenienti.

Non aspettare i termini per la cancellazione dal Crif, contattaci ora e ottieni il tuo prestito:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

407 commenti su “Cancellazione Crif cattivi pagatori: come farla e tempistiche

  1. Buongiorno, vorrei sapere come cancellare le mie situazioni negative CRIF quanto prima, per avere poi un prestito.
    Claudio Mantovani.

    Rispondi
    • Claudio buongiorno,
      gli aggiornamenti in banca dati sono automatici, non è possibile chiedere di cancellare queste informazioni in modo anticipato rispetto a quanto previsto dal garante sulla privacy.
      Quello che si può fare invece è ottenere un prestito prima di questa cancellazione; per maggiori dettagli ci contatti.

  2. Anni fa, non ricordo precisamente quanti, ho fatto dei finanziamenti e non li ho più pagati. Ovviamente sono in crif.
    Chiedo, la negatività della mia posizione in crif verrà cmq eliminata dopo 36 mesi nonostante non abbia mai più pagato?

    Rispondi
  3. La società Younited, ma io credevo di fare un semplice preventivo. A saperlo non ci avrei neanche provato.

    Grazie della risposta

    Rispondi
  4. Buonasera avevo un debito con Findomestic insoluto x perdita lavoro di 47000 euro.Adesso in 20 mesi ho restituito già 7000,ma sono segnalato,posso aspirare ad avere un prestito da 40.000 in dieci anni?TFR solo un anno stipendio 1800,cederei delega stipendio,ho 37 anni

    Rispondi
    • Felix buongiorno,
      dovremmo valutare la sua richiesta nell’insieme e confermarle l’importo massimo che potrebbe ottenere. Ovviamente con un solo anno di assunzione ottenere la cifra richiesta non sarà semplice.

    • Elvis buonasera,
      per prima cosa bisogna regolarizzare le rate non pagate; effettuato il saldo del debito non corrisposto alla banca o finanziaria, allora dovrà attendere i termini di cancellazione dati previsti dal Garante sulla privacy, variabili da 24 a 36 mesi.

Hai qualche domanda? Scrivici su Whatsapp