Atto di benestare per cessione del quinto e delega di pagamento

L’atto di benestare è l’ultimo documento essenziale prima dell’erogazione di una cessione del quinto o delegazione di pagamento.

In questo approfondimento troverai:

  • che cos’è l’atto di benestare
  • i tempi di rilascio dell’atto di benestare
  • cosa fare in caso di rifiuto dell’atto di benestare

Per qualsiasi domanda o curiosità, 4Credit è a tua completa disposizione. Il nostro servizio di intermediazione comprende supporto e consulenza professionali in maniera assolutamente gratuita e senza impegno.

Risponderemo tempestivamente a ogni tuo dubbio o perplessità. Siamo una società di mediazione del credito regolarmente iscritta all’albo OAM (n. M359); da oltre 15 anni rispondiamo alle esigenze del cliente, su tutto il territorio nazionale.

Cos’è l’atto di benestare?

L’atto di benestare è il documento conclusivo utile al perfezionamento di un prestito personale tramite cessione del quinto (di stipendio o pensione) o delega di pagamento.

L’atto di benestare contiene una serie di informazioni relative al prestito richiesto dal cliente e viene notificato dalla finanziaria tramite tribunale o, sempre più frequentemente, tramite PEC (posta elettronica certificata) all’amministrazione del dipendente o pensionato.

L’invio di questa comunicazione si chiama appunto notifica ATC della cessione del quinto dello stipendio o della pensione. ATC è una sigla che sta per “amministrazione terza ceduta”, termine usato per indicare proprio il datore di lavoro oppure l’ente previdenziale pensionistico.

Che si tratti quindi di atto di benestare INPS per una cessione del quinto della pensione oppure di atto di benestare del datore di lavoro per una cessione del quinto dello stipendio, la sostanza non cambia.

Una volta ricevuto, l’azienda o l’INPS dovranno firmare, timbrare e rispedire l’originale alla finanziaria o banca.

La firma dell’atto di benestare certifica l’ultimo passaggio per il perfezionamento della cessione del quinto. La finanziaria, ricevuto il documento firmato, si attiverà quindi per l’erogazione del finanziamento.

Atto di benestare tempi

Quanto tempo ci vuole per l’atto di benestare?

Giunti alla firma di questo documento, il cliente sa che manca pochissimo tempo per ottenere finalmente l’erogazione del denaro di cui ha bisogno.

Cerchiamo di capire allora quali sono i tempi di rilascio dell’atto di benestare.

In linea generale possiamo dire che le amministrazioni sono collaborative e non impiegano molto per la restituzione dello stesso documento firmato: la tempistica dell’atto di benestare per la cessione del quinto, perciò, si aggira tra 1 e 3 giorni.

Ci sono casi in cui le tempistiche si allungano. È il caso per esempio di clienti che rinnovano un prestito già in essere. Come vedremo successivamente, il rilascio del benestare potrà essere subordinato alla dimostrazione di avvenuta estinzione del precedente impegno presente in busta paga o sulla pensione.

In caso di atto di benestare INPS la tempistica è sensibilmente ridotta perché l’emissione del documento è pressoché immediata attraverso gli strumenti telematici messi a disposizione del contribuente.

Al rientro di questo documento firmato e con l’emissione della polizza assicurativa accessoria al finanziamento, l’ente erogante si attiverà per versare il denaro accordato al cliente.

Per maggiori dettagli circa i tempi di erogazione di una cessione del quinto dopo la firma del contratto (compresi i tempi per il bonifico cessione del quinto) puoi leggere il nostro approfondimento dedicato ai Tempi di erogazione per la cessione del quinto.

Atto di benestare è obbligatorio?

Cosa succede se l’azienda non firma il benestare?

Se parliamo di aziende private, non è indispensabile per il buon fine della pratica. In alcuni casi talune amministrazioni non firmano l’atto di benestare, ma procederanno esclusivamente alla trattenuta in busta paga del dipendente per il saldo della rata del prestito appena acceso.

Significa che l’amministrazione della ditta si attiverà a trattenere le rate dalla busta paga del dipendente e contemporaneamente a versare le stesse somme a favore della società erogante il finanziamento (banca o finanziaria).

Questa procedura si chiama messa in quota e viene ritenuta valida dagli istituti di credito.

In questo caso però si ritarderà di circa un mese l’erogazione della cessione del quinto o delega di pagamento perché la prima rata verrà trattenuta.

La società che ha concesso il finanziamento, infatti, vorrà attendere di verificare il regolare pagamento delle quote previste dal piano di ammortamento prima

Atto di benestare in caso di rinnovo cessione del quinto o delega

Nel caso in cui il dipendente abbia in corso altre trattenute, cessione del quinto, delega di pagamento o pignoramenti da estinguere prima dell’erogazione del nuovo finanziamento, l’amministrazione potrà:

  • firmare l’atto di benestare ma apponendo la clausola che la stessa si attiverà a trattenere la nuova rata solo dopo aver ricevuto liberatorie e quietanze dei debiti da estinguere;
  • in alternativa potrebbe (caso frequente per le amministrazioni INPS) firmare una lettera di priorità con la quale notificano alla finanziaria che, in caso di estinzione anticipata dei debiti in corso, la stessa avrà diritto prioritario di notificare la nuova cessione del quinto.

Con la lettera di priorità la finanziaria si attiverà a saldare i debiti da estinguere (generalmente il debito residuo di un’altra cessione del quinto, passo necessario per l’ottenimento del rinnovo).

Successivamente l’istituto dovrà fornire quietanza di avvenuto bonifico (compreso il numero di CRO). In alcuni casi, prima di firmare l’atto di benestare, l’amministrazione INPS pretenderà anche una lettera liberatoria da parte della finanziaria precedente.

4Credit: il tuo consulente finanziario

Se hai bisogno di un prestito veloce, rivolgiti a 4Credit.

Il supporto di un broker creditizio regolarmente registrato ti permette di accorciare sensibilmente i tempi di ricerca e di istruttoria. In maniera del tutto gratuita avrai a tua disposizione un consulente dedicato che ti seguirà in tutte le fasi, aiutandoti a trovare la cessione del quinto più conveniente per te.

Lavorando in maniera indipendente, infatti, potremo proporti soluzioni realmente pensate a misura delle tue esigenze e delle tue possibilità.

Nei nostri preventivi non troverai quindi solamente le cessioni del quinto con i tassi più bassi ma anche quelli con le maggiori probabilità di ottenimento.

Contattaci senza impegno, siamo operativi in tutta Italia:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

139 commenti su “Atto di benestare per cessione del quinto e delega di pagamento

  1. Buongiorno, ho lo stesso problema del signor Salvatore, la dirigente non vuole firmare l’allegato E. Può rifiutarsi di firmarlo? Senza questo non mi accettano la delega sul V dello stipendio. Ho un’altra alternativa? Lei dice che non può incaricarsi di indagare sul personale e dare questa determinazione positiva. Ma che requisiti bisogna avere per averla. Non ho avuto mai provvedimenti disciplinari, non ho la fedina penale sporca, ho pagato sempre i miei debiti finanziari. Su cosa deve indagare la dirigente? Grazie

    Rispondi
    • Stefania buongiorno,
      la prima cosa che mi viene in mente è l’età contributiva; tra quanto tempo andrà in pensione?

  2. salve volevo chidervi, l allegato E , ducumento richiesto per chiedere una delega di pagamento, in quando ho gia una cessione in corso e il dirigenre scolastico nn vuole firmarlo ..cosa posso fare ? e’obbligatorio l allegato E senza questo dcumento quindi nn possso richiedere il prestito?.. il dirigente puo rifiutarsi di furmalo?.. cosa posso fare mel caso che e’ obbligatorio …che strada mi suggerisce ? ..grazie salvatore lauretta

    Rispondi
  3. Buonasera volevo sapere siccome la ditta attuale dove lavoro lascia l appalto il 31dicembre e a gennaio entrerà una nuova,la ditta attuale può formarmi il foglio del benestare?

    Rispondi
    • Jonathan buongiorno,
      teoricamente si se al passaggio di appalto corrisponderà il passaggio dei dipendenti, la data di assunzione convenzionale, il TFR. Se invece verrete licenziati e riassunti non credo procederanno in tal senso.

  4. Buonasera. Spero voi possiate togliermi un dubbio. Se una finanziaria non riceve il benestare da parte del datore(in questo caso RTS), PUÒ PROCEDERE CON L’EROGAZIONE? parlo di un prestito con delega erogato, ma in busta mai trattenuta alcuna rata. Grazie infinite

    Rispondi
    • Ambra buongiorno,
      la finanziaria può procedere con l’erogazione in due casi:
      – con il rilascio dell’atto di benestare
      – con il pagamento della prima rata del nuovo finanziamento
      Diversamente è difficile prevedere che un istituto di credito eroghi un finanziamento di cessione del quinto o delega di pagamento.

  5. scusatemi ex inpdap ho rinnovato una cessione del V. giorno 10 settembre la finanziaria ha inviato il cro, ed altri documenti all’inps ma ancora oggi 18 settembre si aspetta il benestare e normale? grazie

    Rispondi
    • Santo buongiorno,
      a volte alcune amministrazioni INPS sono particolarmente lente; tenga conto che in questo periodo storico (lavoro in smartworking) le procedure possono subire un ulteriore rallentamento.

Hai qualche domanda? Scrivici su Whatsapp