Vincolo TFR con cessione del quinto in corso

Si parla di vincolo TFR con cessione del quinto in corso per indicare l’impossibilità, a determinate condizioni, di richiedere un anticipo sul trattamento di fine rapporto accantonato.

Prelevare il TFR se si ha in corso una cessione del quinto di stipendio o delega di pagamento, infatti, è possibile solo se l’accantonamento supera il debito residuo dei prestiti in corso in busta paga.

In alcuni casi, inoltre, è possibile prelevare il TFR stesso per estinguere una cessione del quinto in corso.

Scendiamo più nel dettaglio e scopriamo i vincoli che regolano il rapporto tra TFR e una cessione del quinto. Se vuoi saperne di più su questo prodotto di finanziamento, contattaci:

Possiamo darti tutta l’assistenza di cui hai bisogno e fornirti i preventivi per le soluzioni di cessione del quinto più convenienti per te.

Siamo operativi in tutta Italia e i nostri servizi sono gratuiti e senza impegno.

Vincolo TFR con cessione del quinto

Con la cessione del quinto il TFR è bloccato?

Andiamo con ordine: con l’operazione di prestito tramite cessione del quinto e/o delega di pagamento si vincola il TFR accantonato sino a quel momento in azienda, oltre a quello che maturerà nei mesi successivi, a favore della finanziaria che ha erogato il finanziamento.

Si tratta fondamentalmente di un prestito garantito dal TFR stesso, quindi questo vincolo rimane in vigore fino ad estinzione del prestito in busta paga.

Il dipendente, in linea generale, non ha diritto a chiedere una liquidazione di parte del TFR proprio in virtù del suddetto vincolo.

Una cessione del quinto senza vincolo TFR, molto semplicemente, non esiste.

Posso chiedere un anticipo TFR con cessione del quinto?

I requisiti per procedere con un anticipo sul TFR, anche in assenza della cessione del quinto, sono:

  1. anzianità lavorativa di almeno 8 anni presso la stessa azienda;
  2. puoi chiedere al massimo il 70% della somma accantonata;
  3. puoi richiedere un anticipo una sola volta;
  4. l’anticipo del TFR è possibile solo per spese urgenti, che devono essere documentate (acquisto prima casa, maternità, …); non è da escludere che il datore di lavoro possa concedere al proprio dipendente anche un anticipo TFR per pagare i debiti.

Esistono però alcune condizioni che permettono di procedere con lo svincolo del TFR anche se è in corso una cessione del quinto.

Il presupposto in cui è consentito prelevare quota parte del TFR è che l’importo dello stesso sia maggiore del debito residuo in corso dei due prestiti in busta paga; logicamente si potrà richiedere solo la parte eccedente al debito residuo in corso.

Per procedere è necessaria quella che si chiama liberatoria per anticipo TFR: nel caso in cui questo sia più alto del debito, allora la parte eccedente potrà essere liquidata al dipendente.

Nel caso in cui l’azienda dovesse anticipare una parte del TFR, senza che lo stesso sia eccedente al debito in corso del dipendente, essa ne sarà responsabile nei confronti della finanziaria che ha erogato il prestito in busta paga.

Posso estinguere una cessione del quinto con il TFR?

Potresti essere interessato a sapere che esiste anche la possibilità di chiedere un anticipo TFR per estinzione cessione del quinto.

In realtà non è una soluzione semplice da attuare: il TFR è infatti legato a doppio filo alla cessione del quinto, sia perché il suo importo rappresenta un importante lasciapassare per l’ottenimento del prestito, sia perché come detto funge da garanzia del prestito stesso.

Il vincolo TFR con cessione del quinto però può essere superato se, come visto, il debito è inferiore al TFR accantonato. In questo caso servirà rivolgersi alla compagnia assicurativa e all’azienda stessa, richiedendo un’autorizzazione a procedere con lo svincolo del capitale accantonato per estinguere la cessione del quinto in corso.

Per conoscere l’ammontare del debito residuo della tua cessione del quinto ti basterà fare richiesta di conteggio estintivo e ottenere un documento ufficiale che certifichi l’importo rimanente.

Cessione del quinto TFR licenziamento

A molti dei nostri clienti interessa sapere, dopo aver sottoscritto una cessione del quinto, come funziona in caso di licenziamento.

Nel caso di cessazione del rapporto di lavoro in seguito ad un licenziamento per giusta causa, se il dipendente non ha rimborsato tutto il debito residuo di cessione del quinto o delega di pagamento, la ditta dovrà riconoscere all’ente erogante tutto o parte del TFR accantonato sino a quel momento.

Questo potrà essere maggiore o minore del debito residuo:

  • se maggiore, viene liquidato al dipendente l’importo residuo del TFR meno il debito dovuto
  • se minore, spetta al dipendente estinguere il debito rimanente, concordando un piano di rientro con la finanziaria o riattivando la cessione del quinto in caso di nuova occupazione

Dal punto di vista della finanziaria, in caso di licenziamento del dipendente subentra anche la copertura da parte della compagnia assicurativa. Ogni cessione del quinto prevede infatti la sottoscrizione obbligatoria di una polizza rischio impiego/vita.

Ovviamente la compagnia assicurativa può a sua volta rivalersi sul dipendente, il quale a questo punto diventerà debitore dell’assicurazione.

Se hai bisogno di assistenza, vuoi trovare una cessione del quinto più conveniente rispetto a quella attuale o non sai quale istituto di credito ha le soluzioni migliori per te, contattaci:

Ti risponderemo in men che non si dica e in poche ore potrai avere un preventivo di finanziamento trasparente, senza impegno e senza sorprese.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

334 commenti su “Vincolo TFR con cessione del quinto in corso

    • Buongiorno Luisa,
      sicuramente le verrà decurtato tutto il TFR, per la parte restante del debito se dovesse rimanerne, le consiglio di mettersi in contatto con l’ufficio legale della finanziaria.

      A presto

    • Thomas buongiorno,
      sottoscrivendo il contratto di cessione del quinto ha vincolato, a favore della finanziaria e della compagnia assicurativa, il suo trattamento di fine rapporto. Per questo motivo lo svincolo del TFR sarà ammesso solo dopo specifica autorizzazione da parte dell’ente erogante il prestito e dell’assicurazione.

      Tenga conto inoltre che questa possibilità viene presa in esame solo se il TFR eccede l’importo del debito residuo del finanziamento; diversamente la sua richiesta non verrà mai accolta.

  1. Salve ! Ho in corso una trattenuta del quinto dello stipendio! Vorrei sapere se vengo licenziato e il debito supera il tfr la mia liquidazione va tt al debitore? Avendo avuto un decreto di pagamento dal il tribunale?

    Rispondi
    • Carlo buongiorno,
      se il TFR è inferiore al debito residuo, questo verrà impiegato per sanare parte del debito in corso; la parte eccedente dovrà ugualmente rimborsarla o con un piano di rientro o, trovato un nuovo impiego, con una nuova trattenuta sulla busta paga.

  2. Buongiorno
    Ho la trattenuta di un quinto dello stipendio,
    Da novembre 2020 sono in cassa integrazione quindi le mie domande sono, stanno trattenendo il quinto dalla cassa integrazione? E poi se il datore di lavoro mi licenzia mi prendono tutto il Tfr ?

    Rispondi
    • Simone buongiorno,
      in questi mesi di cassa integrazione l’azienda le sta consegnando la busta paga? Si, se verrà licenziato il TFR andrà a chiudere tutto o parte del debito (dipende dal debito residuo della cessione del quinto e dal TFR maturato a quella data).

    • Dan buongiorno,
      il debito residuo del suo finanziamento è stato totalmente chiuso dal TFR o rimane una parte eccedente ancora da regolarizzare?

Hai qualche domanda? Scrivici su Whatsapp